"LA LUCE, LE PIETRE ED IL SACRO"
SIA 2015 :: Catania, 11 e 12 settembre 2015
Monastero dei Benedettini, Coro di Notte

 

            

 


   Il XV Convegno della Società Italiana di Archeoastronomia (SIA), dal titolo “la Luce, le Pietre ed il Sacro”, si svolgerà nei giorni 11 e 12 settembre 2015 presso il Monastero dei Benedettini di Catania, in collaborazione con l’Osservatorio Astrofisico di Catania e l’Istituto di Archeoastronomia Siciliana, e con il contributo del Dipartimento di Scienze Umanistiche e del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università degli Studi di Catania.    

   Il tema del XV convegno della SIA prende spunto dall'Anno Internazionale della Luce 2015, indetto dall'UNESCO. Moltissimi monumenti dell'antichità assumono pieno significato proprio in relazione alla Luce, grazie all'effetto che la radiazione luminosa produce 'interagendo' con le strutture litiche, basti pensara alla tomba a corridoio di Newgrange (Irlanda), ai templi di Abu Simbel (Egitto), di KukulkanChichén Itzá (Messico), di Hagar Qim a Malta, al Pantheon di Roma, ecc. Ma oltre a queste manifestazioni del sacro attraverso la luce (ierofanie) vi sono moltissimi legami tra templi, tombe, strutture megalitiche ed architettoniche di quasi tutte le epoche e di quasi tutte le culture con la nostra stella: ad esempio, orientare un tempio o una tomba verso il Sole ha dei significati antropologici molto importanti, che non si esauriscono solamente con la sacralità dell'effetto visivo.

   Muovendo da queste considerazioni, la Società Italiana di Archeoastronomia prosegue il suo cammino nel creare opportunità e occasioni di incontro tra culture e discipline scientifiche diverse, ma impegnate comunque a dialogare guardando al cielo ed alla terra: l'archeologia e l'astronomia. 

   E' la prima volta che il convegno annuale della SIA viene svolto in Sicilia; tale incontro rappresenta una grande opportunità per conoscere una delle discipline che possono dare un importante contributo alla crescita culturale di uno dei territori più ricchi di storia dell'intero Mediterraneo.

   Il XV Convegno SIA a Catania avrà inoltre tra i suoi temi principali la discussione delle metodologie, astronomiche e statistiche, oggi utilizzate per precisare il grado di affidabilità della collocazione cronologica e culturale di siti e reperti di interesse archeoastronomico. 


 

Comitato Scientifico

Elio Antonello (INAF, Osservatorio Astronomico di Brera)

Ray Bondin (UNESCO, Malta)

Fabio Caruso (IBAM-CNR, sede di Catania)

Ileana Chinnici (INAF, Osservatorio Astronomico di Palermo)

Gioconda Lamagna (Museo Archeologico 'Paolo Orsi' di Siracusa)

Giulio Magli (Politecnico di Milano)

Dario Palermo (Dipartimento di Scienze della Formazione, Università degli Studi di Catania)

Andrea Patanè (Soprintendenza BB.CC.AA. di Catania)

Emanuele Piazza (Dipartimento di Scienze della Formazione, Università degli Studi di Catania)

Valerio Pirronello (Dipartimento di Fisica ed Astronomia, Università degli Studi di Catania)

Vito F. Polcaro (INAF, Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali)

Stefano Rapisarda (Dipartimento di Scienze Umanistiche, Università degli Studi di Catania)

Francesco Paolo Romano (IBAM-CNR, sede di Catania)

Daniele Spadaro (INAF, Osservatorio Astrofisico di Catania)

Giovanni Strazzulla (INAF, Osservatorio Astrofisico di Catania)

Davide Tanasi (Arcadia University)

Sebastiano Tusa (Soprintendenza del Mare)

Grazia Umana (INAF, Osservatorio Astrofisico di Catania)


 

Comitato Organizzatore

Andrea Orlando
OACT-INAF & LNS-INFN
aorlando@oact.inaf.it
+393497841655


 

Date Importanti:

  • Scadenza per l’invio degli abstracts: 30 giugno 2015
  • Notifica agli autori: 15 luglio 2015
  • Programma Preliminare: 1 agosto 2015
  • Scadenza per la Registrazione: 31 agosto 2015 (prorogata al 6 settembre)
  • Programma Finale: 6 settembre 2015
  • Scadenza per l’invio degli articoli: 31 gennaio 2016

 

Quote di iscrizione:

Partecipanti: euro 50
Studenti: euro 30
Soci SIA: euro 25


 

PROGRAMMA DEFINITIVO

Venerdì 11 Settembre

  • 8.15 - 9.00 :: Registrazione
  • 9.00 - 9.50 :: Saluti delle autorità:
  • Prof. Giacomo Pignataro, Rettore dell’Università degli Studi di Catania
  • On. Enzo Bianco, Sindaco della Città di Catania
  • Prof. Orazio Licandro, Assessore ai Saperi Condivisi del Comune di Catania
  • Dott. Elio Antonello, Presidente della SIA
  • Dott.ssa Grazia Umana, Direttore OAC

    Sessione I – Archeoastronomia in Sicilia e nel Mediterraneo – (chairs Giovanni Strazzulla e Dario Palermo)
  • 9.50 - 10.30 :: Sebastiano Tusa: L’Archeoastronomia in Sicilia: i primi studi del XXI secolo (relazione su invito)
  • 10.30 - 11.10 :: Ferdinando Maurici, Vito F. Polcaro, Alberto Scuderi, Francesco Vitale: Le “pietre dove nasce il sole” fra medioevo e preistoria. Rocce artificialmente forate ed astronomicamente orientate nel territorio a sud di Monte Iato e bosco della Ficuzza (relazione su invito)
  • 11.10 - 11.40 :: coffee break
  • 11.40 - 12.00 :: Davide Tanasi, Andrea Orlando: Studio archeoastronomico del sito maltese di Borg in-Nadur
  • 12.00 - 12.20 :: Maria Luisa Tuscano: Luci meridiane nel Duomo normanno di Cefalù
  • 12.20 - 12.40 :: Nicoletta Lanciano, Eleonora Cicciarelli: Le critiche a Marino di Tiro nella geografia di Claudio Tolomeo e i dati geografici della Meridiana di S. Nicola in Arenis a Catania
  • 12.40 - 13.00 :: Davide Gori, Andrea Orlando: Analisi archeoastronomica del Tempio di Diana a Cefalù: risultati preliminari
  • 13.00 - 14.30 :: pausa pranzo
  • 14.30 - 14.50 :: Robert Hannah, Giulio Magli, Andrea Orlando: L’orientamento dei templi greci di Agrigento
  • 14.50 - 15.10 :: Flavio Carnevale F., Marzia Monaco, Marcello Ranieri: L'orientamento dei teatri greci. Studio preliminare sui teatri greci di Sicilia e Magna Grecia: un confronto con quelli della madrepatria.
  • 15.10 - 15.30 :: Luciana De Rose: Dal cielo alla terra: la sfera di Solunto
  • 15.30 - 15.50 :: Tore Lomsdalen: Can archaeoastronomical evidence inform archaeology on the building chronology of the Mnajdra Neolithic Temple of Malta?
  • 15.50 - 16.10 :: Lucio Saggese: Orientazione di alcune chiese della Basilicata. Studio preliminare
  • 17:00 – 19:00 :: visita al Catania Living Lab di Cultura e Tecnologia (IBAM/CNR)
     

Sabato 12 Settembre
 

           Sessione II – Astronomia Culturale (chairs Stefano Rapisarda e Vito F. Polcaro)

  • 9.30 – 9.50 :: Elio Antonello: Il cielo del Paleolitico
  • 9.50 - 10.10 :: Salvo L. Guglielmino, P.B. Cipolla, I. Rizzo Giudice: L'astronomia nell'Odissea: lo "status quaestionis"
  • 10.10 - 10.30 :: Lucia Bonacci: La ratio siderum in Plinio il Vecchio: Pleiadi, luce e cereali
  • 10.30 - 10.50 :: Domenico Ienna: Il cielo sopra il Purgatorio Luci antipodali nella seconda cantica della 'Divina Commedia’
  • 10.50 - 11.20 :: coffee break
  • 11.20 - 11.50 :: Annamaria Dallaporta, Lucio Marcato: La figura dell’astrologo nell’India antica: una pratica ai limiti del sacro
  • 11.50 - 12.10 :: Giangiacomo Gandolfi: La stella della Sibilla: analisi e storia di una profezia illustrata tardo-medioevale
  • 12.10 - 12.30 :: Angelo Adamo: Guardare in faccia il Cielo. Riconoscere le costellazioni in un cielo che non ne prevede
  • 12.30 – 13.30 :: Assemblea soci SIA
  • 16:30 – 19:00 :: visita al Monastero dei Benedettini
  • 20:00 – 22:00 :: cena sociale nel centro storico

    Sessione Poster*
  • Graziella Milazzo: La Natura nella Cultura: per un Astroteologia dei culti solari
  • Andrea Orlando: Argimusco: archeologia ed astronomia dell’orizzonte
  • Francesca Morando: Simboli astronomici dell'antichità: esempi di raffigurazioni "eretiche" su edifici religiosi
  • Silvia Motta, Adriano Gaspani: Analisi archeoastronomica della chiesa templare di Santa Maria d’Isana
  • Enrico Calzolari: Struttura complessa formata da un dolmen e da una pietra ad uovo spezzata a metà, rispettivamente orientati a Sud, e a Nord-Sud, nel Sentiero n°1 del Parco Naturale delle Cinque Terre (La Spezia)
  • Riccardo Balestrieri: L’orientamento delle chiese romaniche in Liguria. V. Statistiche preliminari
  • Livia Lombardi, Lucilla Fabrizi, Ludovica Ruggiero e Maurizio Chirri: Roma a forma di stella: STAR, un'APP per la diffusione dell'astronomia culturale

* Montaggio poster venerdì mattina (dalle ore 9:00) e smontaggio sabato (entro le 14:00)

 

Domenica 13 settembre

Tour in provincia di Messina: escursione all’altipiano dell’Argimusco in mattinata, pranzo nel borgo di Montalbano Elicona e visita al centro storico nel pomeriggio (Castello di Federico III d’Aragona, Chiesa di Santa Caterina, Basilica minore di Santa Maria Assunta e San Nicolò Vescovo).


 

Sede del Congresso

La sede del congresso SIA 2105 sarà la sala "Coro di Notte" presso il Monastero dei Benedettini situato in Piazza Dante, nel centro storico di Catania. Il Monastero dei Benedettini si trova a circa 10 minuti a piedi da Piazza Stesicoro e Piazza Duomo, le due principali piazze della storica via Etnea, il cuore pulsante di Catania. Il Monastero è un monumento in stile tardo barocco e tra i più grandi monasteri benedettini in Europa, secondo solo a quello di Mafra in Portogallo. Il plesso venne fondato dai monaci cassinesi nel 1558. Sconvolto da calamità naturali, distrutto e ricostruito, il Monastero è un esempio di integrazioni tra le epoche storiche. Nella grande Chiesa del Monastero, detta di San Nicolò l’Arena, si trova una delle più grandi meridiane a camera oscura d’Italia, opera di Wolfgang Sartorius e Christian Peters nel 1841. All’interno del Monastero fu fondato nel 1885 il primo osservatorio cittadino, il quale rimase in funzione fino al 1966. Il Monastero è patrimonio mondiale dell'UNESCO ed oggi ospita il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell'Università di Catania.


 

Luogo e informazioni di viaggio

Catania è la seconda città più popolata della Sicilia. Si trova ai piedi dell'Etna, il più alto vulcano attivo d'Europa, e sulla costa del Mar Ionio. La ricca storia e la cultura della città è dovuta alla diverse dominazioni che si sono succedute nei secoli: Greci, Romani, Arabi, Normanni, Svevi, Aragonesi, Angioini e Spagnoli. Monumenti e chiese presenti in città sono il risultato di queste diverse culture. Il centro della città è stato inserito nella lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.

L’Etna e le splendide cittadine vicine (Acitrezza, Aci Castello, Acireale, Taormina) sono facilmente raggiungibili con diversi autobus che partono dai piazzali vicino alla stazione ferroviaria.


 

Trasporto Aereo

L'aeroporto internazionale di Catania (CTA) è ben collegato con i principali aeroporti italiani (Roma, Milano, Torino, Bologna, Napoli, Venezia, ecc.).

Il centro di Catania è raggiungibile dall'aeroporto internazionale in circa 20 minuti con la linea Alibus (costo del biglietto euro 4,00).


 

Sistemazione in Hotel

Si consiglia di prenotare un hotel in centro, in una posizione comoda per utilizzare i mezzi pubblici per la sede del congresso SIA2015. Dalla maggior parte degli alberghi in centro sono facilmente raggiungibili i principali luoghi turistici di Catania.

Alberghi consigliati:

Una Hotel Palace ****

Il Principe Hotel ****

Hotel Romano House ****

Hotel Stesicorea Palace ***


 

Contatti

Segreteria SIA2015
Osservatorio Astrofisico di Catania
Via Santa Sofia 78 - 95123, Catania
sia2015@archeoastronomia.com


Sede del Congresso:

Monastero dei Benedettini - Catania


 

 

Vuoi ricevere gli aggiornamenti a tema archeoastronomico?

 

 

 

 

 

 

  • Istituto di Archeoastronomia Siciliana
  • Presidente Dott. Andrea Orlando - email: info@archeoastronomia.com

 

 

Copyright © 2012-2017 archeoastronomia.com - Tutti i diritti riservati | Note Legali